Volontariato all’estero | come immergersi nella cultura locale, risparmiare e viaggiare a lungo

Viaggiare spendendo quasi niente, aiutando qualcuno dall’altra parte del mondo in cambio di vitto e alloggio, conoscere persone incredibili e visitare luoghi da sogno, tutto questo può essere fatto tramite una semplice piattaforma per il volontariato all’estero chiamata Workaway!

“Io vi consiglio di dare un occhiata alla Host list, salvare nella My List i progetti che piu stimolano il piccolo viaggiatore che e in voi e dopo andate a scrollare su e giu nella vostra My List.

Lì vedrete un collezione di avventure ed esperienze che potrebbero cambiarvi la vita… lì ….solo a un click tra la vita che state vivendo e la vita che potreste vivere.”

Volete Viaggiare ma non avete molti soldi? volete fare un’esperienza di volontariato all’estero? volete viaggiare immergendovi profondamente nella cultura dei luoghi che visiterete?… la risposta è volontariato all’estero con Workaway!

Workaway cambierà il vostro modo di viaggiare, vi permetterà di risparmiare i soldi del vitto e alloggio, vi darà la possibilità di vivere come un locale e non come un turista e vi farà conoscere persone incredibili dovunque andrete !.

Non importa se siete viaggiatori esperti o se sia il vostro primo viaggio se mi chiedeste di rispondere con una parola alla domanda “ qual’é il modo migliore di viaggiare?” vi risponderei Workaway!

Volontariato in Colombia

Volontariato all’estero | Cos’é Workaway ?

Workaway é una piattaforma digitale, un sito internet, che connette persone, enti e famiglie in tutto il mondo con lo scopo di organizzare esperienze di volontariato all’estero, scambi culturali e linguistici .

Su Workaway potrete trovare qualsiasi tipo di lavoro: perché non aiutare una famiglia che addestra cani da slitta sotto l’aurora Boreale del cielo d’Islanda o imparare lo Spagnolo aiutando a dipingere un ostello in Colombia oppure rilassati sul mar dei carabi facendo marmellate e saponi di Cocco.

Le opzioni sono quasi infinite, e non importa la destinazione , da New York a un piccolo villaggio sperduto in Africa c’e un Workaway che ti aspetta!

Cominciare è facile, ci si fa un profilo, si seleziona l’Host ( I’Host è colui che ospita ) che più ci ispira nella nazione dove vogliamo andare e vi si manda un messaggio 🙂 vediamone tutti i dettagli passo dopo passo.

Volontariato all’estero con Workaway | Come Funziona? Tutti i trucchi

Info & Costi :

Workaway costa 31$ americani all’anno e ti da accesso a migliaia di progetti di volontariato in 170 Nazioni, non ci sono costi aggiuntivi o sorprese strane.

Su Workaway troverete diverse offerte: da 3 a 5 ore di lavoro giornaliero dai 5 ai 6 giorni alla settimana, la maggior parte richiederà 4/5 ore al giorno 5 giorni alla settimana.

In Cambio del vostro lavoro vi sarà dato un letto per dormire e da 1 a 3 pasti al giorno, a volte il cibo non e incluso, a volte , se per esempio il vostro Host é un Ostello potreste ricevere sconti al Bar dell’Ostello o sui tour che offrono.

Workaway non è responsabile della tua esperienza o il comportamento dell’Host , ma tramite un sistema di feedback e controlli è molto difficile che vi ritroviate in un postaccio.

Workaway offre tanti consigli su come usufruire meglio della loro piattaforma, qui trovate tutte le informazioni nello specifico https://www.workaway.info/information-for-travellers.html

Volontariato all'estero - Perù

Profilo Singolo di Coppia o Profili Linkati

Per entrare nella Workaway comunity dovrete farvi un profilo, se siete da soli farete un profilo singolo se siete una coppia potete fare un profilo di coppia.

Se per esempio state viaggiando con un amico o incontrate qualcuno in viaggio e decidete di viaggiare assieme per un po potrete linkare i vostri profili. Così facendo potrete partecipare assieme a qualsiasi progetto di volontariato che vi accetterà.

Eccovi alcuni consigli su come impostare il profilo.

Prima di tutto sii onesto, il profilo dovrebbe rispecchiare la tua vera personalità e le ragioni per cui sei su Workaway.

Non stai mandando unCV per un lavoro, ma bensì per una esperienza che ti cambierà la vita, l’Host deve poter percepire la tua vera personalità attraverso il tuo profilo.

Magari avete gia un educazione professionale, magari avete solo lavorato come camerieri per un estate, non importa, elencate tutte le vostre abilita senza sminuirle, elencate anche hobby e passioni, tutto puo essere utile.

Il profilo dovrebbe essere in inglese, fatevi aiutare da un amico se serve, nella sezione “Come trovare un Host” vi darò un messaggio pre-scritto in inglese da usare come base per contattare gli Host, pero ovviamente dovreste darci sotto a studiare inglese.

Host List e My List

Workaway vi offre due liste per organizzare i vostri viaggi, la Host list dove troverete tutte le offerte di Volontariato divise per Continente, Nazione e Regione e la My List dove potrete salvare gli Host a cui siete interessati per poi applicare in futuro quando sarete sicuri della destinazione.

Io vi consiglio di dare un occhiata alla Host list, salvare nella My List i progetti che piu stimolano il piccolo viaggiatore che e in voi e dopo andate a scrollare su e giu nella vostra My List, li vedrete un collezione di avventure e esperienze che vi cambieranno la vita… li solo a un click tra la vita che state vivendo e la vita che potreste vivere.

Volontariato all’estero con Workaway | Come Trovare un Host

volontariato all'estero - thailandia

Da dove cominciare… se sei qui, e stai leggendo questo articolo, vuol dire che dentro di te c’e un piccolo sognatore, vuol dire che a volte ti trovi a guardare il soffitto di camera tua e immagini di viaggiare lontano e inseguire i tuoi sogni… quindi cominciamo da qui ,dai tuoi sogni.

Scegli il paese che hai sempre voluto visitare o se sei gia un viaggiatore e sei solo in cerca di un modo per continuare a viaggiare , spendendo meno e immergendoti piu profondamente nella cultura del luogo che stai visitando o per visitare , scegli il paese in cui sei o stai per andare.

La prossima cosa da fare e decidere che tipo di esperienza vogliate, su Workaway troverete di tutto, volete vivere in spiaggia e imparare a surfare ? volete migliorare il vostro inglese? o volete imparare a cucinare cibo asiatico? decidete prima o controllate ogni singolo host fino a che non trovate qualcosa che vi ispiri.

Leggete il profilo con attenzione, leggete i feedback, cosa vi e offerto e cosa vi e richiesto e sopratutto cercate di farvi un idea dell’Host basandovi sul profilo e su come e impostata la richiesta di volontari.

La maggioranza saranno persone molto gentili e in cerca di aiuto e non di manovalanza a basso costo.

Alcuni Ostelli hanno funzionano solo grazie al lavoro di volontari e sono molto ben organizzati, come un vero lavoro , ma questo non significa che ti sfruttino.

Quello che intendo è che alcuni hosts possono richiedere più serietà e lavoro di altri, sta a te decidere , io a volte preferisco progetti più strutturati anche se si lavora un po’ di più, ma ci sono anche Host che vogliono solo dei lavoratori a basso costo e sono poco interessati nello scambio culturale, sta a te individuarli.

Però tranquillo questi Hosts sono pochi e facilmente individuati ed espulsi da Workaway.

Una volta trovato un Host che ti ispira mettilo nella tua My List e continua la ricerca, è sempre meglio candidarsi per più di un Host.

Una volta che hai un po’ di Hosts nella tua lista personale puoi cominciare a mandare richieste di partecipazione.

Nelle richieste cerca di sembrare positivo e determinato ad aiutare, sii simpatico e onesto , specialmente sulle tue conoscenze della lingua utilizzata in quel paese, qui sotto eccoti un template da completare per aiutarti a contattare gli Hosts se il tuo inglese non e il massimo.

In questa tabella troverete un messaggio di richiesta di partecipazione in inglese diviso in frasi con rispettiva traduzione in italiano ( sono sicuro che tu voglia sapere che gli stai dicendo 😉 )

Hi There :). Copiate queste frasi per comporre una richiesta in inglese corretto ( non sara perfetto perche copiando e incollando qualche errore ci sarà ,ma sarà meglio di google translate ).

English Italian
Hi GuysCiao Ragazzi
I would really love to be part of your team Mi Piacerebbe davvero far parte della vostra squadra
I will be coming to ( nazione o citta ) in (month)Arriverò in (nazione città ) in (mese)
I’m a :easy going / positive / nature loving / person   qui potete usare google per aggiungere alcune vostre caratteristiche principali ma ricordate che loro controlleranno il vostro profilo, percio nella richiesta non volete sembrare pigri ma nemmeno riscrivere il vostro intero profilo. sono una persona : compiacente( easy going e difficile da tradurre ma in pratica vuol dire che non siete dei principini ma che vi adattate e non avete bisogno di un babysitter) / positiva / amante della natura
I always wanted Ho sempre voluto
visit (nazione citta )   Explore ( luogo , per esempio la foresta amazzonica)   to work in ( luogo, esempio una fattoria o Parigi )   to learn how to ( sport, attivita come parlare inglese o surfare) visitare (nazione citta )   Esplorare ( luogo , per esempio la foresta amazzonica)   lavorare ( luogo, esempio una fattoria o Parigi )   Imparare a ( sport, attivita come parlare inglese o surfare)
I can help you with vi posso aiutare
your Kids   the Farm   teaching Italian   looking after your dogs/ cats   painting and decorating your ( luogo esempio ostello) con i vostri bambini   nella fattoria   insegnando italiano   prendendomi cura dei vostri cani / gatti   dipingendo e decorando ( luogo esempio ostello
My english is not very good but i am eager to learn 🙂Il mio inglese non è molto buono però sono determinato ad imparare
I am  tidy and do not mind hard workSono ordinato/a e lavoro duro
I hope to hear from you soonspero di aver presto vostre notizie

E ovviamente finite con il vostro nome.

Non sarà perfetto ma vi darà una mano a cominciare.

Comincia L’avventura – Cosa aspettarsi e come comportarsi.

Una volta accordatisi con l’host preso l’aereo e arrivati al progetto di volontariato comincia l’avventura.

Il vostro primo progetto di volontariato all’estero è come il vostro primo lavoro, quando siete inesperti e non sapete come gira la giostra fare di più è meglio che fare di meno.

Se c’e qualcosa che vi disturba e che non capite non prendetela subito male, la differenza culturale e la barriera linguistica può portare confusione , siate aperti e positivi.

Molto probabilmente non sarete da soli , se avete dei dubbi parlatene con gli altri volontari.

Godetevela. Un giorno, tra molti anni, ripenserete alla volta in cui avete lasciato tutto e passato un mese lavorando in un ostello in Thailandia dando da mangiare a elefanti giganti, ripenserete a quei momenti quando ogni mattina vi facevate la doccia in una cascata nel mezzo della giungla e preoccupazioni come il lavoro e il futuro non vi sfioravano nemmeno…

Good Byes & Feedbacks

E’ finita, tre mesi sono passati , sembra ieri che siete arrivati in quella fattoria in Canada e ora dovete partire.

Solo voi sapete quello che avete passato e come vi ha cambiati ma ricordatevi di lasciare un feedback per aiutare futuri viaggiatori e ringraziare chi, condividendo la sua vita di tutti i giorni, ha cambiato la vostra per sempre.

Spero che questi consigli vi aiutino a rincorrere i vostri sogni.

Keep traveling

Simo

Potrebbero anche interessarti:

10 Lezioni di vita che ho imparato da Sei anni di Viaggio

Accessori da Viaggio | la lista completa

App per viaggiare | quelle che non devono mancare!

Zaino Sci Alpinismo | quale scegliere?

Se la meta scelta per il vostro viaggio è tra i picchi innevati della Scandinavia, i grandi parchi del Canada o dell’Islanda uno zaino sci alpinismo può essere il compagno ideale per le vostre avventure una volta giunti a destinazione.

In questo articolo vedremo le caratteristiche fondamentali di questa categoria di zaini.

Vi elencherò alcuni modelli top di gamma, alcuni economici e infine quelli più adatti all’uso in viaggio, cercando di aiutare chi cerca uno zaino tecnico e chi uno per una stagione in Canada e trovino lo zaino ideale!

Diamoci sotto!! 😀

Come Scegliere uno zaino Sci Alpinismo

Io sono più uno da tavola da Surf che da Snow, ma gli anni di viaggio mi hanno lasciato con un network di conoscenze in ogni angolo del mondo.

Qualità e resistenza!!!

Parlando con alcuni amici che viaggiano come istruttori di sci, amici canadesi che vivono nella neve quasi perennemente e alcuni alpinisti professionisti che ho incontrato tra le strade del mondo c’è una caratteristica che un buon zaino per sci alpinismo deve avere, deve essere solido!

Non risparmiare!!! La cima di una montagna innevata è l’ultimo posto dove vuoi ritrovarti con uno zaino rotto e un sacco di roba da portar giù… in qualche modo!

Eccoti una lista di brand affidabili: Deuter, Osprey, Dakine,Burton, Mammut, Millet, Ortovox, Salomon, Salewa.

Impermeabilità

Un buon zaino per Sci Alpinismo deve essere impermeabile per proteggere il contenuto. Alcuni zaini hanno perfino una tasca interna impermeabile solo per l’elettronica, che lo so che se non ti fai una selfie in vetta poi te vengono le crisi!! 😀

Comoditá

Ogni zaino dovrebbe essere comodo, ma la montagna è un ambiente in cui la comodità conta un po’ di più.

Scegli uno zaino con supporto lombare e spallacci ergonomici, lo schienale può essere sia ventilato sia con propieta’ respingi neve.

Se pianifichi di utilizzare questo zaino piu per escursioni e alpinismo che per sciare ti consiglio uno schienale ventilato.

Design

Lo sci e l’alpinismo necessitano di uno zaino con caratteristiche uniche, caratteristche che non troverai in zaini non specifici per queste attivita.

Gli zaini pensati per lo sci e l’alpinismo avranno cerniere fatte per essere aperte con i guanti, punti di aggancio per Sci, Snowboard, caschi e asce da neve, tasche per la mascherina e per la pala in caso di valanga.

Una tra le mie caratteristiche preferite è l’accesso dallo schienale che ti permette di mantenere lo schienale asciutto quando si apre lo zaino nel mezzo della neve.

Airbag!!!

Alcuni zaini sono dotati di un Airbag che avvolge il collo dello sciatore/alpinista e lo aiutano a rimanere in “superficie” nel caso venga travolto da una valanga, gratis viene fornito anche il santino di San Giuseppe! 😀 (dovevo fare il comico… grazie, lo so! 😀 )

Zaini Sci Alpinismo – I Modelli Migliori

I ordine di volume vi elenco 5 modelli, alcuni sia specifici per uomo che per donna, tra i migliori sul mercato!.

Osprey Kamber 22 e Kresta 20

Gli Osprey Kamber e Kresta sono tra i modelli più estremi, dai materiali al design troverai praticamente tutte le caratteristiche elencate sopra, sono zaini di primissima qualità.

Offre diverse opzioni di transporto per sci, tavola, accette da neve e casco.

Lo schienale respingi neve non è il massimo per l’uso non invernale, ma per gli sport invernali è tra gli zaini migliori in commercio.

Osprey Kamber 22 : versione da uomo

Zaino Sci Alpinismo Osprey Kamber 22

Osprey Kresta 20 : versione da donna

Zaino Sci Alpinismo Osprey Kresta 20

Dakine Heli Pro 24

Ottimo zaino, meno estremo dei Kamber e Kresta, ma offre comunque tutto il necessario, esteticamente più “casual” di altri zaini, l’accesso dallo schienale è una caratteristica che apprezzo molto!

Dakine Heli Pro 24

Zaino Sci Alpinismo Dakine Heli Pro 24

Mammut Nirvana Pro (25o35 litri)

Il Mammut è come l’Osprey Kamber and Kresta, estremamente tecnico e super accessoriato, esteticamente una bomba! (termine tecnico) lo schienale respingi neve potrebbe essere un problema per chi vorrebbe utilizzarlo anche per escursioni non necessariamente sulla neve.

I materiali utilizzati sono di primissima qualità e Mammut è un brand con le pa**e! 😀

Mammut Nirvana Pro

Zaino Sci Alpinismo Mammut Nirvana Pro

Deuter freerider Pro 30 / 28 SL

Il Deuter Freerider Pro è senza dubbio uno dei mie preferiti poiché può essere utilizzato come zaino per escursioni tutto l’anno, è super accessoriato e di qualità altissima.

Zaino Sci Alpinismo Deuter freerider Pro

Deuter Freerider Pro Uomo

Deuter Freerider Donna

Osprey Kamber 32/ Kresta 30

Zaino Sci Alpinismo Osprey Kamber 32/ Kresta 30

Osprey Kamber 22 : versione da uomo

Osprey Kresta 20 : versione da donna

Questi due zaini sono i fratelli maggiori del Kamber 22 e Kresta 20, gli zaini sono praticamente identici, ma questa versione offre anche l’accesso a pannello dallo schienale.

Zaini Sci Alpinismo – Economici

Burton Day Hiker 25

Il Burto day hiker 25 è un fantastico zainetto per chi vuole spendere un po di meno e non ha bisogno di uno zaino estremamente tecnico.

Burton Day Hiker 25

Zaino Sci Alpinismo Burton Day Hiker 25

Dakine Mission Pro 18

Il Dakine Mission Pro 18 è un opzione piu tecnica ma comunque non cosi costosa, l’aspetto sportivo ma ricercato e le caratteristiche specifiche per ogni sciatore.

Dakine Mission Pro 18

Zaino Sci Alpinismo Dakine 18

Zaini Sci Alpinismo – Viaggio

Il Burton Day Hiker 25 , Dakine Mission Pro 18 sono senza dubbio i migliori zaini sci alpinismo utilizzabili come zaini da viaggio, in particolare il Burton Day HIker 25.

Questo zaino della Burton non costa molto(non intaccherà troppo il vostro travel budget), offre caratteristiche utili, non tecniche, come una tasca imbottita per il computer, una tasca per libri o documenti e due taschine esterne per accesso esterno.

Se sei un viaggiatore e la tua meta è ricoperta di neve, vai per il Burton Day Hiker 25 che non ti sbagli!.

Spero di aver aiutato sia maniaci dello sport sia viaggiatori in attesa di partire per gli angoli piu freddi del pianeta ( si sono drammatico lo so 😀 )

Buon viaggio

Simo

Potrebbe anche interessarti: Zaini da Viaggio | la guida completa all’acquisto

COSA VEDERE A SYDNEY | 10 luoghi da non perdere

Ho vissuto in Australia per 5 anni, e fu proprio in questa mitica città che cominciò la mia avventura. Eccovi la Guida su cosa vedere a Sydney scritta da qualcuno che ci ha vissuto per un po’.

Bondi Beach

Bondi Beach Australia
Bondi Beach Australia

Bondi è senza dubbio la spiaggia più famosa di Sydney.

Qui provai il Surf per la prima volta, Bondi beach è divisa in sezioni, troverete un’area per le tavole rigide (Hard boards), un’area per le tavole morbide (Soft boards) e una sezione per nuotare.

Bondi beach, e le sue surf zone, sono spesso affollate ma se non avete mai surfato prima è un ottimo posto per affittare una soft board e fare due prove.

Vi consiglio di affittare una grossa Soft board di almeno 8 piedi, di solito i negozi dietro la spiaggia sono più economici di chi ti affitta le tavole direttamente in spiaggia.

Prima di affittare una tavola assicuratevi che non ci sia troppo vento e le onde siano piccole. L’oceano è diverso dal nostro mare, se non siete sicuri chiedete ai Lifeguards o a chi affitta le tavole se è un buon giorno per iniziare.

Se non è un buon giorno per provare il Surf potrete sempre sguazzare nelle due piscine naturali agli estremi della spiaggia.

Bondi Beach ha anche un sacco di BBQ gratis se volete passare un pomeriggio all’Australiana, tra birre e salsicce, con i vostri amici!.

Essendo un’icona Australia Bondi beach non può mancare nella tua lista di cosa vedere a Sydney.

Opera House

Sydney Opera House
Sydney Opera House

Cosa vedere a Sydney? Sicuramente l’Opera house!!!

Per visitare l’Opera house non dovrete fare altro che andare a Circular Quay of The Rock.

Ammirare la più grande icona Australiana dall’esterno e gratis, ma l’Opera house offre molti tipi diversi di tour e ovviamente decine di spettacoli diversi.

Sul sito ufficiale ( https://www.sydneyoperahouse.com/ ) troverete tutte le informazioni riguardanti gli spettacoli e i tour.

Vi consiglio di visitare il sito, anche se non siete interessati a un tour, poiché li troverete anche le date dei famosi spettacoli di luci dell’Opera House,che sono gratuiti e imperdibili!

Se volete solo vedere l’Opera House dall’esterno e fare due foto evitate i weekends e andate il più presto possibile.

Harbour Bridge

Harbour Bridge Sydney
Harbour Bridge Sydney

L’Harbour bridge si trova in Circular Quay, fu inaugurato nel 1932 e da allora è diventato un icona di Sydney e dell’Australia.

Potrete fare un sacco di belle foto direttamente dall’Opera house.

Per vivere meglio questa icona Australiana vi consiglio di dirigervi verso una delle due estremità del ponte, troverete facilmente una salita e da li potrete attraversare l’Harbour bridge che offre anche una bella vista dell’Opera house!

Dall’Harbour bridge potrete accedere al Pylon lookout per 15$, io non ci sono mai andato, secondo me la vista non cambia così tanto dal ponte al pilastro ma dipende dal vostro budget!.

Potete anche camminare in cima al ponte, tipo scalata panoramica, per 160$AU.

Mrs. Macquarie’s Chair (photo)

Mrs. Macquarie's Chair
Mrs. Macquarie’s Chair

Nel 1810 il Governatore Lachlan Macquarie fece incidere nella pietra una sedia in onore di sua moglie in un punto privilegiato del Sydney Harbour.

Questa sedia e oggi il miglior luogo per godere di una vista panoramica del Sydney Harbour e fare foto da copertina con entrambi l’Opera house e dell’Harbour Bridge.

Cosa vedere a Sydney? Palm Beach

Palm Beach Sydney

Palm beach va sicuramente nella tua lista di cosa vedere a Sydney.

La spiaggia è tra le più belle e isolate di Sydney e la vista panoramica delle due spiagge è una foto che non può mancare nei ricordi del vostro viaggio.

Per andare a Palm beach dovrete prendere L90 da town hall, ma vi consiglio di chiedere informazioni una volta sul posto.

Dal centro di Sydney fino a Palm beach ci vogliono più o meno un’ora di viaggio perciò organizzatevi di conseguenza e magari portatevi da mangiare al sacco se volete risparmiare, ci sono dei Bar ma non sono sempre economici.

Una volta a Palm Beach non potete perdervi la camminata fino al Faro con tanto di Foto mozzafiato ( psss… hey… hey… Consiglio Local : io vivevo proprio in Palm Beach, mentre sali verso il faro tieni gli occhi aperti, quasi alla fine della camminata vedrai una grossa roccia, c’è un modo per arrampicarsi li, sarai da solo, lontano dagli altri turisti e la vista è ancora meglio che dal faro!).

Una volta Arricchito il tuo Instagram 😉 puoi passare il resto del pomeriggio in spiaggia e/o prendere il battello per Ettalong, una piccola e pittoresca località a 25 minuti da Palm beach.

Quindi ancora…. cosa vedere a Sydney ?

Bondi to Coogee Sentiero Panoramico

Bondi to Coogee Sentiero Panoramico
Bondi to Coogee Sentiero Panoramico

Il sentiero panoramico che connette Bondi beach a Coogee beach è una delle cose migliori da fare a Sydney.

Sono 10 km di cammino con una vista mozzafiato dell’oceano pacifico e tra le scogliere più belle di Sydney.

Ci vogliono piu o meno un ora e un quarto se vi fermate spesso a fare fotografie e ammirare la vista panoramica.

Taronga Zoo

 Taronga Zoo
Taronga Zoo

Io non sono un gran fan di zoo e acquari, penso che gli animali vadano osservati nel loro habitat naturale e se non sei disposto a avventurarti un pò per farlo, forse non vuoi davvero vedere queste bellissime creature.

Ma gli zoo fanno spesso anche un bel lavoro nell’accogliere animali feriti o rimasti senza qualcuno che badasse a loro nei primi anni di vita.

Se volete visitare uno zoo e accarezzare un Kanguro che è stato salvato da un incidente stradale il Taronga zoo di Sydney fa del suo meglio per raccogliere povere creaturine , rimetterle in forma e reintrodurle nel loro habitat naturale.

Se volete accarezzare un Koala e rubare uno scatto con uno degli animali più morbidosi che io abbia mai accarezzato il Taronga zoo,durante la giornata, offre diversi momenti riservati all’interazione con i Koala, informatevi all’ingresso.

Il Taronga Zoo si trova a 12 minuti di battello da Circular Quay e il biglietto d’entrata costa 46$AU, un po’ caro, ma uno zoo creato davvero per aiutare gli animali costa un po di più, ci guadagnerete in punti Karma :).

Qui trovere il sito ufficiale https://taronga.org.au/conservation-and-science/our-actions

Manly beach – battello e escursione panoramica

Manly beach - battello e escursione panoramica
Manly beach – battello e escursione panoramica

Manly beach è una delle spiagge più famose nel nord di Sydney, e il battello che vi porterà là lo è ancora di più.

Per andare a Manly potete prendere un battello da Circular Quay che vi porterà dal famoso Sydney harbour alle stupende spiagge del nord.

Il viaggio dura 30 minuti e cosa 18.20$AU andata e ritorno.

Il viaggio in barca è davvero bello e Manly merita di essere visitata, vi consiglio di evitare i fine settimana o comunque di andare il più presto possibile.

In inverno il viaggio in battello potrebbe essere “agitato”.

Da Manly potrete intraprendere un’escursione di 9 km ,e richiede tra le 3 e le 5 ore, fino a ritornare all’Harbour bridge chiamata il Manly to Spit Bridge walk ( tutte le info : https://www.sydneycoastwalks.com.au/spit-to-manly-walk/ ) portatevi molta acqua, snacks ,protezione solare, un cappello e ovviamente il costume da bagno!.

Blue Mountains

Blue Mountains Sydney - mini guida
Blue Mountains Sydney – mini guida

Le Blue Mountains sono senza dubbio un luogo da non perdere se si visita Sydney.

Queste montagne traggono il nome di “Montagne Blu” dagli alberi di eucaliptus che , grazie al calore elevato, disperdono un alone di Olio nell’aria.

Questo alone sembra dare delle sfumature di blu alle montagne conferendogli così il nome di Blue Mountain.

Come raggiungere le Blue Mountains?

Il modo migliore per raggiungere questo parco nazionale, se non si ha la macchina, è il treno.

Il treno parte da Central Station e le stazioni principali delle Blue Mountains sono : Wentworth Falls, Leura, Katoomba e Blackheath.

La corsa dura più o meno 2 ore.

Il costo del biglietto cambierà in base al giorno e all’ora

  • Giorni della settimana prima delle 7 e dopo le 9 del mattino = 6.80$AU – corsa singola
  • Giorni della settimana tra le 7 e le 9 del mattino = 8.69$AU – corsa singola
  • Tutto il Sabato = 6.80$AU –
  • Tutta la domenica 2.70$AU – ritorno incluso ( Ovviamente il numero di visitatori la domenica e altissimo… fate voi…)

Consiglio da local 😉 – Andate in settimana e per godere della vista panoramica dal treno sedetevi sulla parte sinistra del Top Deck!

Stop Principali?

In ordine questi sono gli stop da non perdere durante una visita giornaliera:

  1. Wentworth Falls : Qui troverete una grande cascata e l’inizio di tanti sentieri interessanti.
  2. Leura : Un piccolo “villaggio” dove troverete tanti fantastici Bar con vista  
  3. Katoomba: Centro delle Blue Mountain, Da qui potrete visitare le famose 3 Sisters, prendere l’Hop on / Hop off bus e rifocillarvi in molti Ristoranti e Bar ( rifocillarvi… che bella parola 🙂 ).

Attrazioni principali, cosa non perdere?

  1. The 3 Sisters: la formazione geologica più famosa e mozzafiato delle Blue Mountains
  2. Wentworth Falls: le cascate più epiche e facili da raggiungere come spiegato sopra.
  3. Scenic World: la funivia panoramica con tanto di “skywalk” che vi darà una prospettiva unica di questo incredibile parco nazionale!

Come visitare le blue mountains?

Una volta arrivati a Katoomba potrete esplorare i diversi sentieri a piedi, se avete un budget un pó più alto L’Hop on/ Hop off Bus è senza dubbio l’opzione migliore.

Il nome ufficiale di questo Autobus e Blue Mountains Explorer Bus, offre 29 stops, il costo per un giorno per una persona e di 44$AU e ovviamente potete salire e scendere a ogni stop senza problemi.

Il Blue Mountain Explorer Bus si fermerà anche brevemente in ogni luogo dove vale la pena fare una fotografia ma non ha senso fermarsi per molto tempo, dandovi così qualche minuto per rubare uno scatto e risalire sull’autobus.

Incluso nel biglietto vi e una spiegazione molto completa e interessante di tutto il parco nazionale racconta dal guidatore stesso su l’Hop on /Hop off Bus!.

Vi e anche un biglietto un po piu costoso che include L’autobus e Scenic world, una “funivia” panoramica sospesa sopra uno dei tratti più spettacolari delle Blue Mountains

Sydney Night-life

Sydney Night-life
Sydney Night-life

Cosa vedere a Sydney? …il suo lato migliore!… 🙂

Un viaggio a Sydney non è completo senza una serata da Sydneysider (abitante di Sydney).

Eccovi alcuni dei migliori Bar, Disco club e luoghi di perdizione in generale… che la forza sia con voi…

The World Bar:
Se pur penalizzato dall’implemento di nuove regole che limitano gli orari nel centro di Sydney e specialmente nella famosa King’s Cross, il World Bar è comunque un bar da visitare.
Un tempo tra i Bar più “selvatici” di Sydney il World Bar vi offrirà comunque una serata indimenticabile, oggi, fino alle 3.30 del mattino… poi c’è sempre un altro Pub!
24 Bayswater Road, Potts Point, New South Wales, 2011, Australia

Club 77:
Il Club 77 non ha perso il suo tocco negli anni, è un Bar di lusso con musica techno / moderna (boh… io non me ne capisco così tanto di musica ma in pratica… vacci 🙂 )
Luci al neon e la promessi di una serata bizzarra e indimenticabile!
77 William Street, Darlinghurst, New South Wales, 2010, Australia

Bondi beach by Night!
La spiaggia più famosa di Sydney si trasforma con il calare del sole(nel fine settimana) con una moltitudine di Bar e Pub diversi per tutti i gusti!
Dai che la trovi 😉

Soda Factory:
Locato in Surry Hills, questo “particolare” locale offre una venue bizzarra,Old-school music e drink a un prezzo ragionevole… dai non hai bisogno di saperne di più… i drink costano poco 🙂
16 Wentworth Ave, Surry Hills, 2010, Australia

The Junction:

Con le restrizioni sulla vita notturna nel centro di Sydney i locali fuori dalla zona colpita dalle nuove legislazioni hanno visto una rinascita!.
Tra questi locali The Junction, aspettatevi musica dal vivo, eventi e di ballare fino al sorgere del sole !
195 Oxford Street, Bondi Junction, New South Wales, 2022, Australia

Darling Harbour:
Nella famosa Darling Harbour troverete tanti ristoranti, Disco Clubs, Disco Pubs e via dicendo con tanto di vista in uno dei posti più famosi di Sydney.

E molti, molti di più… 🙂

Cosa vedere a Sydney – Itinerari:

Cosa vedere a Sydney - Itinerari:
Cosa vedere a Sydney – Itinerari:

Cosa vedere a Sydney in 3 giorni: Itinerario Fai da te

Giorno 1: Sydney Harbour & Manly Beach !


Esci di casa ancora scombussolato/a, prendi un caffe al volo che pagherai troppo e probabilmente non ti piacerà, prendi subito il treno per Circular quay.


Da Circular quay potrai ammirare la famosa Opera House e L’Harbour Bridge di Sydney.


Per portare a casa una foto da copertina del Sydney Harbour vi consiglio di visitare Mrs. Macquarie’s Chair(Gratis).


Non può mancare una camminata sull’Harbour Bridge e magari uno stop veloce al Pylon Lookout (15$ il Pylon Lookout, camminare sul ponte è Gratis io non consiglio troppo il Pylon lookout).

Andate presto per evitare il fiume di turisti, e arrivare a Manly ad un’ora ragionevole, se volete mangiare lì controllate sempre i prezzi, ma vi consiglio di evitare, è un’area costosa!( o magari io sono tirchio, fate voi 🙂
Quando ti senti di aver visto abbastanza del Sydney Harbour puoi andare a prendere il battello per Manly beach.


Ricorda, Il viaggio dura 30 minuti e cosa 18.20$AU andata e ritorno.
Il battello vi darà un’altra prospettiva sul famoso Sydney Harbour senza spendere una fortuna!

In Manly potrete godervi la spiaggia, affittare una tavola da Surf o rilassarvi in uno dei molti bar della zona.

Potete decidere di tornare a Circular quay prima che il sole tramonti e cercare di prendere un buon posto a sedere all’Opera Bar per godere del tramonto con una vista Premium (ovviamente aspettatevi di pagare caro per quella vista Premium.. Eh si, sono tirchio che ci vuoi fare?!)

La sera potreste scegliere uno dei locali elencati sopra, potreste andare a Darling Harbour o andare a letto presto… no dai, sei a Sydney, a letto presto ci vai quando sei a casa! Fiestaaaa!

Giorno 2: Bondi Beach & Bondi to Coogee Coastal Walk


Il Secondo giorno vi consiglierei di cominciare da Coogee beach, il cammino renderà l’arrivo a Bondi ancora più spettacolare.

Ricordate che il sentiero è lungo 10 Km, portatevi tanta acqua e crema solare, evitate di andarci a mezzogiorno e non dimenticatevi il costume da bagno!


Nel tragitto troverete tante piccole spiagge dove rinfrescarvi, il cammino è stupendo perciò non dimenticatevi la macchina fotografica!


Organizzatevi voi con le tempistiche in base a dove sarete alloggiati ma ricordate che anche Coogee è una bella spiaggia da visitare.

Alla fine del sentiero panoramico girerete un angolo e Boom! La famosa Bondi Beach!, rilassarvi in spiaggia, esplorare l’area e magari Surfate un po!
Bondi può essere esageratamente piena di turisti perciò cercate di evitare il fine settimana.

Non dimenticatevi di esplorare un po l’area, Bondi di per se e un piccolo paradiso!

Giorno 3: Le Blue Mountains


Il terzo giorno riempite lo zaino d’acqua ( e magari preparatevi il pranzo al sacco il giorno prima mangiare alle Blue Mountain non e economico!) non dimenticatevi degli snack, cappello , crema solare ecc… destinazione le Blue Mountains!!!

Sopra troverete tutte le informazioni sul come esplorare questo parco nazionale!

Cosa vedere a Sydney in 5 Giorni: Itinerario Fai da te

Giorno 1: Sydney Harbour & Taronga zoo

Il primo giorno potreste visitare le icone principali di Sydney al Sydney Harbour. Godetevi l’Opera house, passeggiate sull’Harbour Bridge e non dimenticatevi di passare da Mrs. Macquarie’s Chair per una foto da copertina del Sydney Harbour.

Due o tre ore dovrebbero essere più che sufficienti per visitare il Sydney Harbour, (cercate di riservare almeno mezza giornata per lo zoo) dopodichè prendete il battello per il Taronga zoo direttamente da Circular quay (comprate il biglietto per lo zoo assieme al biglietto del battello).
In piu o meno 12 minuti sarete allo Zoo.

All’arrivo avrete immediatamente una vista panoramica di molti animali dalla piccola funivia che vi porterà all’ingresso dello zoo.
All’interno troverete tutti i più famosi animali Australiani e molto di più, i Kanguri girano liberi e potrete comprare del cibo per dargli da mangiare.
Ci sono anche i Koala e che potrete accarezzare e coccolare durante la giornata( ci sono orari specifici per coccolare i Koala informatevi subito all’entrata ).

Giorno 2: Bondi Beach & Bondi to Coogee Coastal Walk

Il Secondo giorno vi consiglierei di cominciare da Coogee beach, il cammino renderà l’arrivo a Bondi ancora più spettacolare.

Ricordate che il sentiero è lungo 10 Km, portatevi tanta acqua e crema solare, evitate di andarci a mezzogiorno e non dimenticatevi il costume da bagno!

Nel tragitto troverete tante piccole spiagge dove rinfrescarvi, il cammino è stupendo perciò non dimenticatevi la macchina fotografica!
Organizzatevi voi con le tempistiche in base a dove sarete alloggiati ma ricordate che anche Coogee e un bella spiaggia da visitare.

Alla fine del sentiero panoramico girerete un angolo e Boom! La famosa Bondi Beach!, rilassarvi in spiaggia, esplorare l’area e magari Surfate un po!
Bondi può essere esageratamente piena di turisti perciò cercate di evitare il fine settimana.

Giorno 3: Blue Mountains

Il terzo giorno riempite lo zaino d’acqua ( e magari preparatevi il pranzo al sacco il giorno prima mangiare alle Blue Mountain non è economico!) non dimenticatevi degli snack, cappello , crema solare ecc… destinazione le Blue Mountains!!!
Sopra troverete tutte le informazioni sul come esplorare questo parco nazionale!

Giorno 4: Manly & Manly to Spit Bridge walk

Partite la mattina presto e dirigetevi verso Circular quay per prendere il battello per Manly, la vista del Sydney Harbour dal battello non è da perdere.

Una volta a Manly rilassatevi sulla spiaggia per un po, se siete arrivati abbastanza presto non ci dovrebbero essere trooooppi turisti (anche se Manly e spesso affollata).

Quando vi siete stancati di Surfare o dormire sotto il sole passate all’azione, il Manly to Spit Bridge walk è uno dei miei preferiti, non è durissimo ma evitate di partire a mezzogiorno se possibile.

Il Cammino è di 9 Km e richiede tra le 3 e le 5 ore ( io ci ho sempre messo meno ma a ognuno il suo), le spiagge e gli scorci di costa che vedrete non vi deluderanno e vi sono perfino dei disegni indigeni su roccia che potrete ammirare.

Giorno 5: Palm Beach & Sydney Nightlife

L’ultimo giorno lo potrete passare rilassandovi a Palm Beach, questa spiaggia è forse la mia preferita a Sydney grazie anche alla vista panoramica dal faro e alle onde, spesso ottime per il Surf, per tutti i dettagli leggete sopra.

E quando il sole scende assicuratevi di festeggiare la fine della vostra visita a Sydney esplorando tutto ciò che Sydney by Night ha da offrire.

Tutte le singole attività sono spiegate nei dettagli sopra gli itinerari, non dimenticatevi di leggere tutto il post.

Spero che ora abbiate una buona idea di cosa vedere a Sydney , come esplorare questa grandiosa città e godervi una delle meraviglie che l’Australia ha da offrire!

Buon Viaggio

Simo

Potrebbe anche interessarti:

10 Lezioni di vita che ho imparato da Sei anni di Viaggio

Accessori da Viaggio | la lista completa

App per viaggiare | quelle che non devono mancare!

Zaino Eagle Creek Global Companion 65 Litri | recensione

Chi ha detto che lo zaino da viaggio è la casa ambulante del viaggiatore probabilmente parlava dell’Eagle Creek Global Companion 65. Il design e l’organizzazione fanno proprio pensare ad una casa con gli spallacci, e in effetti lo consiglierei a chi parte con solo il biglietto di andata, magari in cerca di lavoro o in cerca di una nuova vita.

Zaino Eagle Creek Global Companion 65 Litri | Video

Design e Specifiche 

Zaino Eagle Creek Global Companion 65 Litri

Questo Zaino da viaggio è uscito da poco rispondendo alle richieste dei viaggiatori moderni ( e malati per l’organizzazione). 

lo zaino Global Companion 65 è senza dubbio uno degli zaini da viaggio migliori sul mercato. 

Eagle Creek ha combinato l’organizzazione di una valigia con il comfort e la versatilità di uno zaino, ma non è solo una valigia con spallacci e cinturone lombare ma un vero e proprio zaino da viaggio “on the road”.

Nel dettaglio come l’accesso dall’alto e frontale ( in aggiunta all’accesso in stile valigia), nei punti di aggancio esterno, nella tasca elastica frontale e nella Rain cover che si trasforma in una borsa per imbarcare il bagaglio si nota l’esperienza e gli anni di viaggio dietro al design di questo zaino.

Lo zaino Global Companion 65 si apre in due come una valigia per facilitare il carico e l’organizzazione dei vestiti e dell’attrezzatura. 

La meta più vicina alla schiena potrà, una volta chiuso lo zaino, essere aperta dall’alto e la metà più esterna offre un ampia apertura frontale.

La facilità di accesso al carico non è la sola cosa che rende questo zaino così utile per un viaggiatore. 

Tre tasche frontali di cui due con tasche interne ottimizzano l’organizzazione dei piccoli oggetti. Una tasca elastica esterna, quattro punti di aggancio per moschettoni e quattro cinghie di compressione aumentano la versatilità dello zaino dando la possibilità di trasportare oggetti di vario genere all’esterno dello zaino ( si se sei ossessivo compulsivo per l’ordine e l’organizzazione questo è il tuo zaino! 🙂 ).

Come se non bastasse lo Zaino Eagle Creek Global Companion arriva già equipaggiato con una Rain Cover che può essere chiusa completamente per proteggere l’imbracatura dello zaino!.

Questo versatilissimo zaino e persino dotato di un’imbracatura regolabile di ottima qualità, sia da uomo che con forme specifiche per il corpo femminile !!!

E qui due dati piu technici :

SIZE:13.25 x 26 x 12.25 in | 35 x 66 x 31 cm
VOLUME:4150 cu in | 68 L
WEIGHT:5 lbs 2 oz | 2.33 kg

Tutte le Caratteristiche

E qui ci sono di sicuro due cose di cui parlare :)…. Fatevi un giro con me !

  1. Organizzazione e accessibilità portata ad un altro livello YEAH!

 Come spiegato prima la divisione in due metà con più accessi è una manna dal cielo!

Potrete riempire , organizzare e svuotare lo zaino come una valigia e poi accedere a tutto ciò che vi serve “on the go”.

 Lasciate la vostra macchina fotografica reflex in cima allo scompartimento accessibile dall’alto e non perderete mai uno scatto, mettete il vostro zainetto per uso giornaliero in fondo allo scompartimento esterno e tramite l’accesso esterno lo troverete subito lì pronto per la prossima avventura.

C’è una tasca imbottita per il computer, due tasche con divisione interna per i piccoli oggetti che vi serviranno spesso durante ogni spostamento e una tasca per il portafoglio o altri oggetti di uso frequente!.

Tasca interna per calze e mutande ? Check! Tasca sul cinturone lombare? Check! Tasca esterna per la giacca ? Check! (…non suono troppo come la pubblicità delle scarpiere slim?! Dì addio alle scarpe in disordine!! 😀 )

In pratica se per voi l’organizzazione è più che una comodità un bisogno morboso questo e lo zaino per voi! 🙂

2. Super Rain Cover !!! 

Quante volte imbarcando lo zaino avete coperto gli scarponi , il sacco a pelo o qualsiasi altra cosa lasciata all’esterno dello zaino sperando che non vi dessero problemi? E… vi è mai successo di arrivare a destinazione, prendere lo zaino e scoprire che uno spallaccio e stato danneggiato durante il trasporto ? ( si che sfiga eh!?) 

Con questa Rain cover che può essere chiusa per trasformare il tutto in una “sacca da volo ” vi potrete dimenticare di questi inconvenienti! 

3. A prova di Lupen ! ( se non sai chi è Lupen probabilmente sto diventando vecchio…)

Molto semplicemente, lo zaino può essere chiuso con dei lucchetti per impedire ai cattivi di rubarti i giocattoli :).

Una piccola cosa da farvi notare è che, a causa dei punti di accesso multipli, ci vogliono un bel po’ di lucchetti (tipo 3) per chiudere tutti gli scompartimenti, il che può essere noioso.

4. Imbracatura regolabile da uomo o donna!

Uno zaino che si rispetti deve aiutarti a trasportare il carico senza spaccarti la schiena! Lo Zaino Eagle Creek Global Companion è uno zaino molto grosso ma con un sistema di trasporto più che dignitoso!.

Prima di tutto può essere acquistato in versione Uomo e Donna ed entrambi, oltre alle forme ergonomiche specifiche per il sesso selezionato, possono essere ulteriormente personalizzati regolando la lunghezza del torso. 

5. Tasche! Tasche ! tasche !

Eccovi la lista completa delle tasche esterne dello zaino :

  1. Tasca elastica per una bottiglia d’acqua sulla destra
  2. Tasca superiore per accesso veloce
  3. Tasca a scompartimento di sinistra con tasca interna e portachiavi
  4. Tasca a scompartimento di destra con tasca interna
  5. Tasca elastica externa

6. Rientra nelle direttive per i bagagli a mano !!
Viaggiare Carry-on vi cambierà la vita, i vantaggi sono tantissimi e un buon zaino che rientri in queste direttive e tra i migliori acquisti che possiate fare.

Zaino Eagle Creek Global Companion | Pro e Contro 

Pro

  • Accesso in stile valigia, con due scompartimenti principali 
  • Imbracatura  regolabile 
  • Qualità Eagle Creek
  • Transport Cover / Rain Cover
  • Accesso multiplo a tutti gli scompartimenti 
  • Diversi punti di attacco per l’attrezzatura 
  • Tasche, Tasche, Tasche a volontà
  • Tutte le zip possono essere chiuse con il lucchetto 

Contro

  • Non ha un daypack integrato.
  • La tasca per il computer non la userei quasi mai, tutti vogliamo avere il computer in uno zainetto che sta sempre con noi.
  • La necessità di piu luchetti può essere una noia.

Miglior Utilizzo e Consigli 

Lo Zaino Eagle Creek Global Companion è per chi ha bisogno chi ha TANTA roba e che ha dei problemi di organizzazione ossessivo compulsiva… AKA quasi tutti i viaggiatori che rimbalzano in giro per il mondo molto spesso.

La sospensione è di qualità, non ci sono dubbi, ma a causa del suo corpo largo e “valigioso” non è lo zaino per chi pianifica lunghe escursioni nella giungla o campeggi di più giorni camminando spesso e a lungo, un’altra volta, la sospensione è molto buona ma non è uno zaino da spedizioni!.

Se pensate di stare per lo più in ostelli e hotel e solo occasionalmente darvi al campeggio e all’autostop ce la farete senza problemi!.

Un buon consiglio è di mettere lo zaino piccolo (vuoto) nello scompartimento più esterno, facilmente accessibile dall’apertura a “botola” così che quando arriverete a destinazione non dovrete cercarlo per ore.

Spero di avervi portato un passo più vicino a scegliere lo zaino adatto al vostro viaggio!

Keep Travelling

Simo

Io sono un Viaggiatore

Mi chiamo Simone e sono un viaggiatore.

Sono sei anni che che viaggio, vivo e lavoro lontano dal piccolo paesino ligure dove sono cresciuto.

L’Australia mi ha insegnato a sfidare i miei limiti, l’Asia a vivere il momento, Il Sud America le potenzialità di una mente decisa e il Messico che la Tequila può farti dimenticare tutte queste cose e molto molto peggio! :D.

“ I veri viaggiatori partono per partire e basta: cuori lievi, simili a palloncini che solo il caso muove eternamente, dicono sempre “Andiamo”, e non sanno perché. I loro desideri hanno le forme delle nuvole”

 (Charles Baudelaire)

In questi anni ho imparato a viaggiare, ma sono sempre stato un viaggiatore.

Sei un viaggiatore se sei curioso, quando senti di dover toccare, gustare, vedere e vivere da te quei posti, cibi e profumi visti solo nei film.

Sei un viaggiatore se vuoi di più dalla tua vita, se vuoi essere il protagonista della tua storia e non un personaggio secondario nel libro di qualcun’altro.

Sei un viaggiatore se la monotonia di tutti i giorni ti fa’ sbiadire piano piano, e anche solo il pensiero di un avventura, invece, ti lascia il sorriso sulle labbra.

Perché essere un viaggiatore é molto di più che avere tanti stampi nel passaporto e delle storie assurde da raccontare agli amici.

Viaggiatori lo si è dentro, nel modo in cui si vede il mondo, in ciò che si vuole dalla vita e nel bisogno quasi morboso di scoprire sempre un po di più.

Il Viaggiatore & lo Zaino

“tutti prigionieri di un sistema di lavoro, produci, consuma, lavora, produci, consuma, ho negli occhi la visione di un’immensa rivoluzione di zaini, migliaia o addirittura milioni di giovani americani che vanno in giro con uno zaino, … , fanno ridere i bambini e rendono allegri i vecchi, … , tutti Pazzi Zen che vanno in giro scrivendo poesie che per puro caso spuntano nella loro testa senza una ragione al mondo e inoltre, essendo gentili nonché, con certi strani imprevedibili gesti ,continuano a elargire visioni di libertà eterna a ognuno e a tutte le creature viventi…“                                                                                          

(Jack Kerouac)

Una tra le più grandi relazioni che avrai in viaggio non sarà con il tuo amico di Liverpool conosciuto in una camera d’ostello ridotta tipo il giorno dopo project X.

Non sarà nemmeno con quella ragazza tedesca che ti ha rubato il cuore per qualche mese tra le spiagge del Caribe Colombiano.

Ma sarà con il tuo fidato zaino da viaggio, il tuo compagno d’avventure.

Sempre vicino al tuo letto, sempre mezzo pieno, pronto a ripartire in ogni momento.

Lui non dice mai di no a un viaggio, lui sta lì, seduto nella tua camera a ricordarti che là fuori c’è un mondo da esplorare.

Lo zaino del Viaggiatore è uno strumento sacro, il viaggio comincia nei sogni del viaggiatore ma è quando comincia a riempire lo zaino che diventa realtà.

Riempirai e svuoterà il tuo zaino mille volte, e ogni volta sarà come prendere un caffè con un vecchio amico

Con Lui fai il punto della situazione, pensi alle cose che vedrai e farai o alle persone che hai incontrato, le lezioni che hai imparato e come quel posto ti ha cambiato.

Porta solo le cose importanti, lascia un po di spazio per ciò che verrà, è meglio tenersi leggeri.

C’è quel che c’è e lo faremo bastare, se ti serve altro lo prenderai strada facendo.

E ditemi che farti lo zaino non ti insegna un po’ a vivere, che quando lo zaino è pronto… o lo sei anche tu, o ti dovrai aggiustare con ciò che hai.

Quando lo zaino è pronto, e gli ultimi abbracci sono stati scambiati, lo metti in spalla, e all’improvviso, tutto è come dovrebbe essere.

“Se fai un viaggio lungo sia leggero il tuo bagaglio:

sarai meno stanco e più disposto ad accogliere ciò che ti sarà donato ogni nuovo giorno.”

(Ezio Bianchi)

Perché la differenza tra un sognatore e un viaggiatore, è lo zaino!.

Il Viaggiatore on the road

“Seguite l’impulso del momento (senza programmare nulla, nel giro di otto ore) e salite su un aereo o fate il pieno alla macchina e partite. La meta non ha importanza. L’obiettivo è viaggiare con poco bagaglio, stendere le ali e mettere alla prova la vostra capacità di mollare tutto. Lanciarsi istintivamente in un’avventura e allontanarsi per un po’ dalla propria vita è una sensazione straordinaria di libertà”.

(Lynn Gordon)

Con lo zaino in spalla entri in un nuovo mondo, dove tutto è possibile, dove sei ciò che sei e ogni piccolo momento è emozionante.

Dal quel momento in poi, ogni sconosciuto potrebbe essere il tuo migliore amico o l’amore della tua vita.

Ogni discorso potrebbe portarti al lavoro dei tuoi sogni, a un’esperienza che risponde finalmente  alle tue domande o semplicemente passare 12 ore di volo chiedendoti se a quel punto sia completamente legale strangolare quel bambino che ha pianto dal momento in cui sei entrato in aereo :).

Il Viaggiatore assapora la libertà della strada, la semplice gioia di fare qualcosa di diverso e la consapevolezza che non sapendo dove sarai e che farai domani… tutto potrebbe succedere!.

Il ritorno a casa del Viaggiatore

“Non smetteremo di esplorare. E alla fine di tutto il nostro andare ritorneremo al punto di partenza per conoscerlo per la prima volta

(T. S. Eliot)

Puoi viaggiare per un mese, un anno o tutta la vita… non importa, un viaggiatore parte sempre e non torna mai.

Perché quando viaggi, quando viaggi davvero, non torni mai del tutto.

Una parte di te rimane lì, vicino a quell’Elefante in Thailandia, in quel letto d’ostello in Australia, su quella spiaggia in Colombia, un pezzo di te è rimasto li e ti busserà alla porta alle 8 del mattino, nel mezzo di un bar affollato.

Mentre le persone attorno a te vanno e vengono, prendono lo stesso caffè del giorno prima, e iniziano così un altro giorno che non verrà ricordato.

In quel momento, vedrai materializzarsi di fronte a te il Van dove hai vissuto per sei mesi con il tuo amico francese ,con cui comunicavi più a gesti che in inglese, e le spiagge dove hai passato la notte illegalmente guardando le stelle sdraiato sul tetto del Van.

Vedrai , come se fossi davvero lì, i corridoi di quel relitto affondato vicino alle coste del Messico, dove ti sei immerso solo tre mesi fa.

E poi la magia svanisce e ritorni lì, in quel bar, mentre il mondo continua con la sua frenesia, e tu … sorridi.

Perché quando parti una volta, parti per sempre e anche nei momenti più mondani, tra i discorsi ripetuti mille volte e le cose dette ma mai fatte, ci saranno sempre i tuoi ricordi e le cose che hai imparato in viaggio a rendere la tua vita, in qualche modo, speciale fra le tante.

E tu… sei un viaggiatore ?!

Potrebbe interessarti il libro: Sulla Strada di Jack Kerouac